In un anno ricco di incertezze, l’Edizione 1 di 161miglia ha saputo regalare ai partecipanti momenti di assoluta libertà.

Nonostante il cambio di data obbligato dall’emergenza Covid-19 ed un meteo che non prometteva nulla di buono, alla partenza si sono schierati oltre 50 bikers. 

 

Il percorso prevedeva un giro ad anello (da percorrere in senso antiorario) di circa 302km, con partenza e arrivo a Villa Giulia (Jesolo), prestigiosa sede logistica della manifestazione. Anche quest’anno il passaggio nell’antico borgo di Lio Piccolo per poi riprendere la strada verso Jesolo, dove dopo circa 55km era previsto il primo punto controllo. 

Da Jesolo, ci si avviava verso la selvaggia Laguna del Mort per arrivare poi a Porto Santa Margherita, dove i bikers hanno potuto godere fino alle 2 di notte di una (meglio 2!) birra fresca, dall’amico di Fiesta Bike Cafe. La traccia continuava passando i Casoni di Caorle e, attraverso una serie di piste sterrate, ha portato i bikers all’inizio dell’Oasi naturale della Valle Zignago, passaggio esclusivo per 161miglia. Al 178km il secondo punto controllo, dove c’è stata anche una sorpresa messa a disposizione dall’organizzazione..un mini ristoro con birra fresca e pane e sopressa, perfetto per la prima colazione!

Da qui in avanti il ritorno alla “civiltà”, con il passaggio attraverso piccoli paesi come San Stino di Livenza, Concordia Sagittaria e Oderzo.

Gli ultimi km hanno costeggiato il Piave, fino all’ultimo punto controllo (a -9km dall’arrivo) al Chiosco Salsi 17!

 

Rispetto alla primissima edizione, il percorso si è rivelato molto più ricco di tratti off-road (circa il 70%) e questo di certo ha fatto divertire i partecipanti, che al traguardo si sono mostrati molto soddisfatti sia del contenuto tecnico che dell'organizzazione. L'obiettivo di 161miglia, oltre a far divertire i suoi partecipanti, è anche quello di portarli a scoprire il territorio del basso Veneto orientale, pedalando lungo un percorso studiato nei minimi dettagli.

Ed è proprio il percorso, che a detta dei finisher, ha fatto la differenza.

Un percorso molto ricercato, frutto di un meticoloso lavoro della guida mtb Paolo Tamburini (nonché organizzatore dell'evento), che ha saputo evitare noiosi tratti asfaltati, anche grazie a gentili concessioni in proprietà private. 

 

Purtroppo anche in questa edizione ci sono stati molti ritiri sia per problemi tecnici che per il maltempo, e al traguardo sono stati registrati 25 finisher!

Segno che il percorso, pur essendo pianeggiante, non è da sottovalutare per distanza e per i diversi fondi che mettono alla prova i partecipanti!

 

L’edizione 0 ci ha fatto crescere molto, soprattutto a partire dalle osservazioni dei bikers a cui cerchiamo sempre di offrire il massimo, con la massima semplicità!

Il successo e la riuscita dell’Edizione 1 è stata resa possibile anche grazie ad un forte sostegno dei partners, che ringraziamo uno ad uno:

 

@pasolsocial

@missgrape

@ciclisperandio

@chioscosalsi17

@comunediJesolo

@villagiuliadayspa

@fruitservice

@namedsport

Non ci resta che ringraziare nuovamente tutti coloro che hanno reso possibile questa prima Edizione, con l'augurio di rivedervi tutti il prossimo anno con una proposta completamente nuova nel format, che a breve sveleremo! Seguiteci sui nostri canali social per restare sempre aggiornati!